La PNL produce cambiamenti permanenti.
Quando molti anni fa ho letto questa cosa mi sono chiesto: “se è così facile cambiare in meglio, perché non fanno tutti?”.
Dopo aver capito meglio come avviene il cambiamento attraverso le strategie della PNL mi sono reso conto del perché questa “parascienza” come viene definita da alcuni quasi in senso dispregiativo, io preferisco definirla “modalità di approccio al mondo”, è osteggiata da molti e in particolare da alcune lobby o meglio categorie professionali.
Mi pare doveroso specificare cosa si intende per “cambiamento” in PNL, il cambiamento è inteso infatti come “diverso modo di affrontare una situazione (contesto) nel quale dobbiamo agire, e il cambiamento riguarda lo stato d’animo della persona, ottenuto attraverso l’utilizzo di strategie che permettono di attivare stati di alta performance.
Le strategie permettono il recupero di risorse già utilizzate in passato nella esperienza della persona, quindi che la persona possiede ma per moltissimi fattori diversi ha come messo in un cassetto e ha paura a riutilizzare, le rende immediatamente disponibili alla stessa che proprio per questo motivo riesce a “cambiare stato” e diventa:

  • più centrata,
  • più efficace,
  • più pronta e determinata ad agire verso il raggiungimento del risultato desiderato.

Tutto questo processo una volta insegnato e provato qualche volta, la persona, può applicarlo in assoluta autonomia quante volte lo desidera, a costo zero, e qui ecco la motivazione per cui la PNL è ostacolata e denigrata da molti, non servono infatti:

  • Farmaci;
  • Cure mediche;
  • Analisi diagnostiche;
  • Costose sedute per molto tempo;

Quindi se non costa, e la persona si arrangia come si può guadagnare sulle sfortune della gente?
Da qui l’impopolarità della PNL, e il denigrare la sua utilità.
In PNL si parla di centratura e di stato di alta performance, con questi termini si intende una condizione della persona in cui la stessa si sente:

  • Pronta,
  • Determinata,
  • Adeguata al ruolo,
  • Emotivamente in equilibrio.

Risulta evidente, perché ognuno di noi si rende conto che se è pronto, determinato, adeguato al ruolo e emotivamente in equilibrio, che nell’agire la persona sarà molto efficace e di conseguenza il risultato che si ottiene sarà buono e a volte al di sopra delle aspettative che si avevano.
PNL e cambiamento, la domanda più frequente è “ma si può imparare?” e subito dopo la risposta che “SI, si può imparare” arriva l’affermazione: “e ma non è facile!, ci si deve applicare, ci vuole tempo”…
Di fronte ad una affermazione come questa io rispondo sempre solo con: “in paradiso in carrozza non ci va nessuno!”, intendo dire che non si ottiene alcun risultato senza un po’ di impegno, ma nella mia vita ho potuto imparare molte cose e credo che imparare ad andare in bicicletta, cosa che penso sappia fare ogni persona, è molto più difficile che imparare le strategie della PNL.
Scaricate la guida sulla PNL, è gratuita e vi chiarirà molte curiosità!

PNL e cambiamento, grazie a semplici strategie si può migliorare molto velocemente, ecco perché da molti è ostacolata.

Scarica le nostre guide dalla sezione pubblicazioni

 

altri articoli nella categoria